Tecnologie innovative

Biometano, al via progetto UE per lo sviluppo di nuove tecnologie di produzione

Il progetto Biomethaverse prevede di aumentare la produzione del 66%, di ridurre i costi di produzione del 44%, evitare l’emissione in atmosfera di 113 milioni di tonnellate di CO2 equivalente e creare circa 300 mila nuovi posti di lavoro

mercoledì 3 maggio 2023 - Franco Metta

08biomethaversre

Ha preso avvio il nuovo progetto europeo Biomethaverse da 10 milioni di euro, al quale partecipa Enea (l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, che punta entro il 2030 ad aumentare la produzione di biometano, riducendo costi di produzione ed emissioni di gas a effetto serra e creando circa 300 mila nuovi posti di lavoro.

In particolare si prevede di aumentare la produzione del 66%, di ridurre i costi di produzione del 44%, di evitare l’emissione in atmosfera di gas a effetto serra (-113 milioni di tonnellate di CO2 equivalente) e di circa 300 mila nuovi posti di lavoro.

“Il progetto avrà come scopo fondamentale la realizzazione di impianti dimostrativi per la produzione di biometano. Ma prima di tutto dovremo arrivare a diversificare la base tecnologica, aumentarne l’efficienza produttiva e abbattere i costi. Questo gas è ancora costoso da produrre e le tecnologie di metanazione ancora poco mature e diffuse” spiega Alessandro Agostini, ricercatore del laboratorio Accumulo di Energia, Batterie e tecnologie per la produzione e l’uso dell’Idrogeno e referente per Enea del progetto insieme ai colleghi Claudio Carbone e Alberto Giaconia.

5 vie innovative per la conversione a biometano

Nei quattro anni e mezzo previsti, il progetto Biomethaverse dovrà dimostrare cinque vie innovative di conversione a biometano in altrettanti Paesi europei (Francia, Grecia, Svezia, Ucraina e Italia presso l’impianto di CAP Holding, in provincia di Milano), sotto il coordinamento della European Biogas Association. In dettaglio, in quattro dimostratori di Biomethaverse il biogas o il syngas verranno combinati con idrogeno rinnovabile, mentre nel quinto caso, sarà utilizzata direttamente elettricità rinnovabile per aumentare la resa complessiva di biometano prodotto da microorganismi. Le nuove tecnologie (come la conversione termochimica, elettro-biochimica e biologica) saranno testate singolarmente o combinate e implementate in quattro impianti già operativi che utilizzano la digestione anaerobica e in un impianto dimostrativo che utilizza, invece, la gassificazione. Ad oggi il biometano viene prodotto ‘ripulendo’ (upgrading) il biogas ottenuto dalla fermentazione biologica in ambiente anaerobico di biomasse come rifiuti organici, sottoprodotti agricoli o dell’industria alimentare.

La CO2 co-prodotta durante il processo di conversione della biomassa viene separata dal biometano per aumentarne la concentrazione e ottenere un flusso puro di metano. Ora, grazie al progetto UE, sarà possibile utilizzare la CO2 prodotta assieme a energia elettrica rinnovabile, o a idrogeno verde, per produrre biometano aggiuntivo; in questo modo il processo, chiamato metanazione, sarà in grado di fornire ulteriore capacità di accumulo di energia per fungere da vettore di energia rinnovabile flessibile. Il biometano è un sostituto rinnovabile e sostenibile del gas naturale di origine fossile che può essere prodotto localmente; inoltre, favorisce il riciclo dei nutrienti grazie alla produzione di digestato (residuo della digestione anaerobica per la produzione di biogas) che può essere impiegato come biofertilizzante in agricoltura.

Queste caratteristiche, sommate alla sua impronta di emissioni di carbonio molto bassa rispetto ai combustibili fossili, lo rendono un potente alleato nel contrasto dei cambiamenti climatici, in quanto può essere complementare alle fonti di energia intermittenti, grazie alla sua capillare rete di distribuzione, capacità di accumulo e alla sua versatilità di utilizzo praticamente in tutti i settori, inclusi quelli difficili da disaccoppiare dai combustibili fossili.

Il nuovo codice dei contratti pubblici dal 1° luglio, cosa cambia?

Scatta dal 1° luglio l’efficacia del nuovo codice dei contratti pubblici, noto... Leggi


Riforma della giustizia pronta per l’esame in Parlamento

L’era post Berlusconi comincia con la presentazione del disegno di legge sulla... Leggi

Potrebbe interessarti

Ultime notizie
Impianti biometano, nel terzo bando ammessi a finanziamento 132 progetti

La capacità produttiva totale dei progetti della terza graduatoria è di 58.000...


Iscriviti alla newsletter di Build News

Rimani aggiornato sulle ultime novità in campo di efficienza energetica e sostenibilità edile

Iscriviti

I più letti sull'argomento


Tecnologie innovative copertina articolo
Caminetti a etanolo, un rischio per la qualità dell’aria?

Il Fraunhofer Institute for Wood Research di Braunschweig avverte: l’etanolo rilascia nell’aria...

Dello stesso autore


Approvato il decreto salva-casa, novità per l’edilizia libera

Approvato dal Cdm il decreto salva-casa che introduce misure urgenti per regolarizzare...

Attualità
Bonus agrivoltaico, dal 4 giugno a disposizione 1,1 miliardi del PNRR

Saranno incentivati solo i nuovi impianti con potenza superiore a 1 KW...