Ultime notizie

Costruzioni metalliche, il comparto riprende a crescere dopo molti anni di stagnazione

Unicmi ha pubblicato il rapporto sulle costruzioni metalliche per il 2022 e le proiezioni per il 2023. Gli investimenti nelle costruzioni non residenziali, in particolare dalla logistica spingono il fatturato delle carpenterie. La cantierizzazione dei lavori finanziati con il PNRR alimenteranno una forte crescita nel 2023

lunedì 31 ottobre 2022 - Redazione Build News

unicmi-logo

Unicmi ha pubblicato il rapporto sulle costruzioni metalliche per il 2022 e le proiezioni per il 2023.

Lo studio è focalizzato sull’analisi della domanda di costruzioni metalliche nel mercato italiano sia nel segmento non residenziale sia nelle infrastrutture, inoltre analizza le performance di un campione di 92 costruttori di carpenterie metalliche, con un fatturato aggregato di circa 1,5 miliardi di euro, rappresentative di oltre il 50% del mercato italiano.

Il settore delle costruzioni metalliche è cresciuto del 25% nel 2021 un risultato eccezionale che ha permesso di recuperare la lieve flessione patita nel 2020 (-2,8%) e dare inizio a una fase di forte crescita con +9,3% atteso per il 2022 e +5,8% nel 2023. Si tratta di dati sensibilmente superiori alla crescita del PIL e allineati alla crescita attesa nel settore delle costruzioni edili. Nel 2021 il settore delle, costruzioni metalliche ha raggiunto 2,5 miliardi di Euro nel 2022 arriverà a 2,8 miliardi di Euro e sfiorerà i 3 miliardi nel 2023. Se si analizzano i due principali segmenti di mercato si rileva come, nel 2022m la domanda di costruzioni metalliche nel segmento delle infrastrutture toccherà 1,6 miliardi di Euro, il settore non residenziale, in particolare la logistica e il terziario avanzato genereranno una domanda di oltre 1,2 miliardi di euro.

Le performance economiche delle aziende sono positive, con un ROS (Return on Sales) idi 4,5%, leggermente in ribasso rispetto al 202°, ma più elevato del biennio 18-19. Il ritorno sul capitale investito ROIC (Return on Invested Capital) si attesta al 6,6%, un valore pari a quello del 2020 ed evidenzia un trend di crescita positivo. Il tasso di indebitamento iniziale è leggermente cresciuto nel 2021 per via di situazioni critiche che interessano alcune aziende che sono interessate da processi di ristrutturazione finanziaria. Il rapporto tra PFN su EBITDA si mantiene al di sotto dei livelli di guardia evidenziando una situazione di sostanziale stabilità finanziaria per il settore.

Sullo sfondo di un quadro positivo resta l’incognita della crescita dei costi delle materie prime degli altri fattori produttivi direttamente o indirettamente legati all’energia (dai trasposti a lavorazioni come quelle dei trattamenti superficiali). Si stima che tra il 2,5% e il 3% della crescita nel 2022 sarà assorbito dall’inflazione.

Il nuovo codice dei contratti pubblici dal 1° luglio, cosa cambia?

Scatta dal 1° luglio l’efficacia del nuovo codice dei contratti pubblici, noto... Leggi


Riforma della giustizia pronta per l’esame in Parlamento

L’era post Berlusconi comincia con la presentazione del disegno di legge sulla... Leggi

Potrebbe interessarti

Ultime notizie
Facciate ventilate, pubblicata la norma UNI 11018-1:2023

Tratta delle prestazioni e della terminologia dei rivestimenti ventilati in generale


Mercato
UNICMI: continua la ripresa del comparto delle costruzioni metalliche

Il settore delle costruzioni metalliche è cresciuto del 21% nel 2022 confermando...

Iscriviti alla newsletter di Build News

Rimani aggiornato sulle ultime novità in campo di efficienza energetica e sostenibilità edile

Iscriviti

I più letti sull'argomento


Ultime notizie copertina articolo
Legge di Bilancio 2018: novità su Iva 10% per i beni significativi

La fattura emessa dal prestatore che realizza l’intervento di recupero agevolato deve...

Dello stesso autore