Solare, fotovoltaico e schermature solari

Fotovoltaico italiano, boom al 2020 con 1,6 GW/anno

Secondo il report di Ernst & Young le installazioni italiane quadruplicheranno al 2020. Ripresa anche in Europa, che sarebbe maggiore con l'eliminazione dei dazi anti-dumping cinesi

mercoledì 27 gennaio 2016 - Erika Seghetti

fv_potenza installata_ita

Dopo lo stallo degli ultimi anni, il fotovoltaico vivrà una seconda età dell'oro in Italia. Si passerà dai 385 MW installati nel 2014- il valore più basso degli ultimi 6 anni- agli oltre 1,6 GW all'anno nel 2020. A sostenerlo è il nuovo report "Solar PV Jobs & Value Added in Europe"  (IN ALLEGATO) commissionato a Ernst & Young, dall'associazione del FV europeo SolarPower Europe, prima EPIA.

Il declino del fotovoltaico italiano

Lo studio ripercorre il declino del fotovoltaico italiano degli ultimi anni, che nel 2014 ha registrato i dati peggiori, con un un valore aggiunto di 541 milioni di euro, contro  gli 816 milioni di euro del 2008 e un totale di 14.304 occupati contro gli 18.052 registrati all'epoca.

Il boom nel 2020

Il 2015 non è andato molto meglio e la causa è rintracciabile principalmente nei tagli agli incentivi. Ma la ripresa è vicina e secondo le stime degli analisti, nel 2020 il valore aggiunto sarà di 1.060 milioni di euro, gli occupati 26.903 e la nuova capacità annuale installata 1.650 MW, con un totale di potenza installata che salirà a quota 25.613 MW.



Ripresa anche in tutta Europa

La ripresa interesserà anche l'Europa. Nel 2020 la nuova potenza annua passerà dai 6.575 MW registrati nel 2014 a quota 10.725 MW. Il valore aggiunto aumenterà da 5.662 milioni di euro a 6.671 milioni di euro. Con una netta ripresa anche a livello occupazionale: il numero di occupati nella filiera fotovoltaica europea salirà dalle 109.650 unità del 2014 a 136.096.

Senza i dazi anti-dumping 54mila occupati in più

Una crescita che sarebbe molto più evidente se venissero eliminati i tanto contestati dazi sull’importazione dei prodotti cinesi. L'eliminazione delle misure anti-dumping permetterebbe un'ulteriore riduzione dei prezzi degli impianti (che hanno già subito un calo del 70% dal 2008 al 2014), portando a una maggiore crescita del settore e dell'indotto. Solo a livello occupazionale gli analisti stimano che i lavoratori nella filiera del fotovoltaico potrebbero nel 2020 superare i 190mila, ovvero 54mila posti di lavoro in più rispetto alle stime con le attuali misure protezionistiche.

Il nuovo codice dei contratti pubblici dal 1° luglio, cosa cambia?

Scatta dal 1° luglio l’efficacia del nuovo codice dei contratti pubblici, noto... Leggi


Riforma della giustizia pronta per l’esame in Parlamento

L’era post Berlusconi comincia con la presentazione del disegno di legge sulla... Leggi

Potrebbe interessarti
Tecnologie innovative
Energia: impianti solari a concentrazione a sali fusi

ENEA nel progetto Ue EuroPaTMoS che vede coinvolti sette partner di quattro...



Iscriviti alla newsletter di Build News

Rimani aggiornato sulle ultime novità in campo di efficienza energetica e sostenibilità edile

Iscriviti

I più letti sull'argomento


Dello stesso autore


Ultime notizie
Idrogeno e fuel cells: a che punto siamo?

Il Convegno AiCARR di Bari è stato un’occasione per riflettere sullo stato...

Tecnologie innovative
Un innovativo sistema di facciata modulare con le rinnovabili integrate

Dal Fraunhofer un’innovazione che potrebbe semplificare e dare una spinta agli interventi...

Aziende
Il teleriscaldamento per una transizione ecologica nel settore del comfort

Frascold e Solid Energy insieme per il il potenziamento di un impianto ...