7 febbraio 2023
avatar Amministratore

Mondo

Green deal, la proposta UE: dal 2035 automobili nuove a zero emissioni

La Commissione propone di immatricolare dal 2035 solo auto a zero emissioni. Ma quale sarà il destino del parco circolante? E la produzione saprà adeguarsi?

giovedì 15 luglio 2021

auto-emissioni

La Commissione Europea ha adottato un pacchetto di proposte legislative per rendere le politiche dell'UE in materia di clima, energia, uso del suolo, trasporti e fiscalità idonee a ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra di almeno il 55 % entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990. 

Verso una mobilità a zero emissioni

Secondo la strategia della Commissione, è necessario far fronte all'aumento delle emissioni nel settore dei trasporti stradali. Norme più rigorose in materia di emissioni di CO2 per le autovetture e i furgoni accelereranno la transizione verso una mobilità a emissioni zero, imponendo che le emissioni delle autovetture nuove diminuiscano del 55% a partire dal 2030 e del 100 % a partire dal 2035 rispetto ai livelli del 2021. 

Di conseguenza, stando alle intenzioni, tutte le autovetture nuove immatricolate a partire dal 2035 dovranno essere a zero emissioni. E per consentire ai guidatori di avere accesso a una rete affidabile in tutta Europa per la ricarica o il rifornimento dei loro veicoli, la revisione del regolamento sull'infrastruttura per i combustibili alternativi imporrà agli Stati membri di aumentare la capacità di ricarica in linea con le vendite di autovetture a emissioni zero e di installare punti di ricarica e di rifornimento a intervalli regolari sulle principali autostrade: ogni 60 km per la ricarica elettrica e ogni 150 km per il rifornimento di idrogeno. 

Nessuna menzione per il parco circolante

Basterà questa proposta legislativa, se messa in atto, a fermare la produzione europea di auto diesel e benzina? E quale sarà invece la deadline per il parco circolante? 

Domande a cui, ora, nessuno è in grado di rispondere con certezza. Si possono fare ipotesi: la maggior parte dei produttori di automobili ha iniziato da tempo la riconversione, ovvero a progettare e produrre veicoli a emissioni zero, ma non ha ancora smesso di investire e produrre su quelli che utilizzano combustibili fossili — basti pensare ai modelli ibridi. 

Inoltre bisognerà capire cosa avverrà nel resto del mondo. Non si può escludere infatti che i produttori di automobili europei possano continuare a produrre veicoli alimentati a diesel e benzina da destinare a quei mercati o settori dove non saranno ancora messi al bando. In fondo la proposta UE non vieterebbe tout-court la produzione di auto diesel-benzina, ma solo l’immatricolazione di auto nuove

Stesso dicasi sulla compravendita di vetture diesel-benzina di seconda mano. E la proposta UE non fa alcun cenno alla deadline per il parco circolante. Probabilmente saranno norme o imposizioni locali a fare la selezione, un po’ come sta già avvenendo secondo i criteri euro 0-1-2-3-4 etc., e soprattutto se sarà usata la leva del prezzo da pagare sui combustibili più inquinanti. Insomma dovrebbe essere il mercato stesso a rifiutare ed espellere i modelli di autovetture più inquinanti. 

Le reazioni

Le prime reazioni all’ipotesi di stop per i motori diesel-benzina non sono certo state favorevoli: Acea, la principale associazione europea lo ha definito “irrazionale”, mentre Anfia, associazione nazionale filiera industria automobilistica ha espresso “sconcerto e forte preoccupazione”). 

La discrezionalità che verrà lasciata costituirà in ultima analisi l’ago della bilancia per il raggiungimento degli obiettivi, ovvero far sì che l'Europa diventi il primo continente a impatto climatico zero entro il 2050, concretizzando il Green Deal europeo. 

Franco Metta

Potrebbe interessarti

Ultime notizie
Dalla Commissione Ue il Green Deal Industrial Plan

Oltre alla semplificazione del quadro normativo, è previsto un Fondo per la...


Mondo
Regolamento F-Gas, l’Unione Europea discute la proposta di revisione

Il Comitato tecnico europeo per i fluorocarburi propone di introdurre sanzioni dissuasive...


Smart City
Green Deal europeo, CEN e CENELEC firmano la Dichiarazione di Londra

Sottoscrivendo la Dichiarazione i firmatari si impegnano a tenere in considerazione gli...

Iscriviti alla newsletter di Build News

Rimani aggiornato sulle ultime novità in campo di efficienza energetica e sostenibilità edile

Iscriviti

I più letti sull'argomento


Dello stesso autore


Fisco
Ecobonus e Bonus Casa, è online il portale 2023 per l'invio dei dati a ENEA

Il termine di 90 giorni per la trasmissione dei dati all’ENEA per...

Progetti
Il passato incontra il futuro in una residenza di lusso nella campagna toscana

Nel progetto Colle Allegro impiegata la tecnologia Vimar per il controllo dell’illuminazione...