Ultime notizie

Superbonus e bonus barriere architettoniche: in Gazzetta la Legge di conversione del DL 212

In vigore dal 28 febbraio 2024, la Legge n. 17/2024 salva i lavori con il 110% certificati entro il 31 dicembre scorso e prevede un aiuto per i redditi bassi e un limite agli interventi con il bonus barriere architettoniche per evitarne l'uso improprio. 20 giorni in più per cessione e sconto in fattura

mercoledì 28 febbraio 2024 - Redazione Build News

shutterstock_1039121731 fonte Shutterstock

È pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 48 di ieri 27 febbraio la Legge 22 febbraio 2024, n. 17 di conversione in legge, senza modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2023, n. 212 recante: “Misure urgenti relative alle agevolazioni fiscali di cui agli articoli 119, 119 -ter e 121 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77”.

La Legge è entrata in vigore oggi 28 febbraio 2024.

Le novità

Con la nuova Legge il governo permette a chi aveva chiesto il Superbonus al 110 o al 90 per cento con la cessione del credito di imposta o con lo sconto in fattura di mantenere l’agevolazione, anche se i lavori (certificati entro il 31 dicembre 2023) non sono stati completati entro la fine del 2023.

Viene previsto anche un sostegno economico per le famiglie con un ISEE inferiore a 15mila euro che non sono riuscite a concludere la ristrutturazione iniziata con il Superbonus entro il 31 dicembre 2023, ma che hanno già svolto almeno il 60 per cento dei lavori. Il governo coprirà le spese sostenute da queste famiglie dal primo gennaio al 31 ottobre del 2024. Lo stanziamento iniziale per il sostegno è di 16 milioni.

20 giorni in più per cessione del credito e sconto in fattura

Sono previsti 20 giorni di tempo in più per cittadini e imprese che stanno usufruendo degli incentivi in edilizia per inviare le comunicazioni relative allo sconto in fattura e alla cessione del credito in merito ai costi sostenuti nel 2023. Il testo, inoltre, limita ulteriormente le deroghe al divieto di cessione del credito nelle ipotesi di demolizione e ricostruzione di edifici.

Cambia il Bonus Barriere architettoniche

Previsti nuovi limiti per usufruire del Bonus Barriere Architettoniche: fino al 2025 viene riconosciuta una detrazione Irpef del 75% sulle spese sostenute per la rimozione di ostacoli alla mobilità negli edifici, anche in assenza di disabili. Le spese ammesse sono soltanto per gli interventi su scale, rampe, ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici: sono esclusi infissi e servizi igienici.

Sismabonus

Per il Sismabonus, invece, viene introdotto l’obbligo di assicurazione contro il rischio sismico per i contribuenti che abbiano usufruito del Superbonus per interventi nei Comuni colpiti da eventi sismici verificatisi dall’1 aprile 2009 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza.

Il nuovo codice dei contratti pubblici dal 1° luglio, cosa cambia?

Scatta dal 1° luglio l’efficacia del nuovo codice dei contratti pubblici, noto... Leggi


Riforma della giustizia pronta per l’esame in Parlamento

L’era post Berlusconi comincia con la presentazione del disegno di legge sulla... Leggi

Potrebbe interessarti


Sentenze
CILA Superbonus, il TAR sulla declaratoria di inefficacia

Tar Campania: la comunicazione di inefficacia non è un provvedimento, ma un...

Iscriviti alla newsletter di Build News

Rimani aggiornato sulle ultime novità in campo di efficienza energetica e sostenibilità edile

Iscriviti

I più letti sull'argomento


Ultime notizie copertina articolo
Legge di Bilancio 2018: novità su Iva 10% per i beni significativi

La fattura emessa dal prestatore che realizza l’intervento di recupero agevolato deve...

Dello stesso autore