Il parere di...

Superbonus nei Comuni colpiti da eventi sismici, Inarsind Marche chiede chiarezza

L'Associazione auspica che i chiarimenti forniti dal Commissario Castelli siano sufficienti a fugare ogni dubbio e che “nessun limite al superbonus in zona sismica” si avrà fino al 31/12/2025. Se necessario, si intervenga in sede di conversione del Decreto-legge n. 212/2023

venerdì 12 gennaio 2024 - Alessandro Giraudi

sisma-marche

Inarsind Marche pretende chiarezza sulla questione Superbonus nei Comuni colpiti da eventi sismici. Il Presidente dell’Associazione, Arch. Fernando De Santis, rende conto in una nota che “come associazione di rappresentanza e tutela degli Ingegneri e Architetti liberi professionisti si prende atto delle precisazioni - apprese dagli organi di stampa - del Commissario straordinario alla Riparazione e alla Ricostruzione sisma 2016, Guido Castelli, in relazione all’applicazione di una norma contenuta nel D.L. n. 212/2023 e riguardante lo strumento del Superbonus 110% nei Comuni dei territori colpiti da eventi sismici.

Ha dichiarato il Commissario Castelli: “Il Decreto-legge n. 212/2023, approvato dal Consiglio dei ministri lo scorso 29 dicembre e dedicato al Superbonus 110% non contiene né modifiche né limitazioni rispetto al diritto al diritto di cumulare, fino al 31 dicembre 2025, il contributo sisma con il superbonus per la riparazione degli immobili danneggiati dal sisma. Si tratta di una precisazione che si rende necessaria al fine di evitare equivoci o fraintendimenti”.

Il D.L. 212/23 ha generato confusione e preoccupazione

Su questo Inarsind Marche spiega che “l’art. 2 (Opzione per la cessione o per lo sconto in luogo delle detrazioni fiscali e misure relative agli interventi effettuati nei comuni dei territori colpiti da eventi sismici) del citato D.L. 212/23, per la difficoltà di interpretazione della disposizione stessa, ha generato confusione e preoccupazione, creando un giustificato allarme nei soggetti operanti nelle aree sisma e nei proprietari degli edifici ancora da finanziare”.

Le richieste di Inarsind Marche

“Noi Ingegneri e Architetti liberi professionisti - spiega ancora De Santis - auspichiamo che i chiarimenti forniti dal Commissario Castelli siano sufficienti a fugare ogni dubbio e che “nessun limite al superbonus in zona sismica” si avrà fino al 31/12/2025 e, se necessario, si intervenga in sede di conversione del Decreto per evitare che al momento della presentazione delle pratiche sorgano questioni nell’applicazione della norma. E si coglie l’occasione per sensibilizzare lo stesso Commissario affinché lo strumento del superbonus 110% nelle aree sisma venga previsto per un arco di tempo maggiore, almeno per un ulteriore biennio, e comunque per tutti gli edifici ammissibili a contributo del sisma; diversamente si renderà necessario intervenire nuovamente sulla normativa sul sisma attesa la presenza in quasi tutte le pratiche di accolli, anche rilevanti, dovuti all’insufficienza del costo del contributo e alla modalità di calcolo delle finiture connesse alle opere della ricostruzione”.

Leggi anche: “Nuovo decreto Superbonus, Castelli: "per aree sisma no stop o modifiche fino a 2025"

Il nuovo codice dei contratti pubblici dal 1° luglio, cosa cambia?

Scatta dal 1° luglio l’efficacia del nuovo codice dei contratti pubblici, noto... Leggi


Riforma della giustizia pronta per l’esame in Parlamento

L’era post Berlusconi comincia con la presentazione del disegno di legge sulla... Leggi

Potrebbe interessarti


Sentenze
CILA Superbonus, il TAR sulla declaratoria di inefficacia

Tar Campania: la comunicazione di inefficacia non è un provvedimento, ma un...

Iscriviti alla newsletter di Build News

Rimani aggiornato sulle ultime novità in campo di efficienza energetica e sostenibilità edile

Iscriviti

I più letti sull'argomento


Il parere di... copertina articolo
Scarico fumi a parete e distanze minime, quali strumenti per difendersi?

Associazione Marcopolo (polizia locale): contro il vicino di casa incurante e irrispettoso...

Il parere di... copertina articolo
Ozono e Covid-19: attenti alle fake news

L’ozono generato in situ per l'igienizzazione delle superfici comporta dei rischi e...

Dello stesso autore