7 febbraio 2023
avatar Redazione Build News

Ultime notizie

Impianti di illuminazione, ideato dispositivo elettronico per l'efficienza energetica

“Smartlight” consente la gestione automatica adattativa dell’illuminazione artificiale ottenendo un risparmio energetico medio del 50%

giovedì 26 maggio 2016

1_smartlight

Si chiama “Smartlight” ed è un dispositivo elettronico universale – ideato da Greentronics - per la gestione automatica adattativa dell’illuminazione artificiale, che permette di ottenere un risparmio energetico medio del 50% che in alcuni casi può arrivare ad oltre il 90% con un bassissimo tempo di ammortamento.

Si tratta – spiega la descrizione sul sito del Gse - di uno strumento versatile e a basso costo: il costo di tale soluzione è 10 volte inferiore a quella di altre “classiche” di risparmio energetico per il settore illuminazione; ma la cosa più interessante è appunto il suo payback-time che permette, attraverso il risparmio conseguito, una moltiplicazione annua del capitale investito per l’intervento di efficientamento.

Basato su di un’architettura hardware a microprocessore, Smartlight è in grado di gestire qualsiasi tecnologia di lampade, massimizzando il risparmio energetico in ogni contesto applicativo.

NON SOSTITUISCE LA LAMPADA MA SI CONNETTE AD ESSA. Il dispositivo è configurato per catturare, tramite sensori di luminosità ambientale e di presenza umana, informazioni dall’ambiente per poi gestire in automatico, mediante algoritmo di controllo implementato nel software, l’accensione o lo spegnimento delle lampade, modulando il livello di illuminamento in funzione delle reali necessità di illuminazione dell’ambiente e di quelle momentanee da parte delle persone presenti.

Essendo il dispositivo composto da tecnologie a bassissimo assorbimento, permette un notevole risparmio energetico indipendente dal tipo di lampada preinstallata al quale è collegato. Smartlight riconosce tutte le tipologie di lampade. Inoltre si adatta a diversi ambienti di installazione.

La versatilità è massima anche dal punto di vista della sua tensione di alimentazione, che varia da 110Vac a 230Vac, rendendone possibile l’impiego in tutti i Paesi del mondo.

Inoltre il dispositivo permette un risparmio anche in termini di manutenzione sia grazie alla sua capacità di alimentare le lampade in proporzione a quanto occorre e alla sua funzionalità di soppressione delle sovratensioni impulsive e a lento transitorio (fenomeni causa secondo numerosi studi di guasti delle lampade a scarica che di quelle a filamento).

Potrebbe interessarti

Progetti
Il passato incontra il futuro in una residenza di lusso nella campagna toscana

Nel progetto Colle Allegro impiegata la tecnologia Vimar per il controllo dell’illuminazione...



Iscriviti alla newsletter di Build News

Rimani aggiornato sulle ultime novità in campo di efficienza energetica e sostenibilità edile

Iscriviti

I più letti sull'argomento


Ultime notizie copertina articolo
Legge di Bilancio 2018: novità su Iva 10% per i beni significativi

La fattura emessa dal prestatore che realizza l’intervento di recupero agevolato deve...

Dello stesso autore