Progetti

La riqualificazione energetica del Provincial Hospital di Bregenz in Austria

L'intervento ha interessato soprattutto la facciata con l'applicazione di sistemi aschermo avanzato

mercoledì 6 settembre 2023 - a cura di Progettare per la Sanità

Fig_01_20180416 2003 GES LUS 6404 LKH  Bregenz 016 DL autorisiert (1) (1)

L’intervento di riqualificazione e ampliamento dell'Ospedale Provinciale di Bregenz ha riguardato l’efficientamento dei vecchi padiglioni ospedalieri (costruiti negli anni Settanta) e la costruzione di nuovi copri di fabbrica destinati alla degenza e ad ospitare nuove funzioni sanitarie a servizio dei reparti esistenti.

Il cantiere è stato condotto per fasi successive, dal 2001 al 2019, ed ha permesso di realizzare nel corso del tempo, e senza mai interrompere l’attività ospedaliera ordinaria, i seguenti ambienti: il nuovo ingresso principale, la caffetteria, gli uffici amministrativi, il pronto soccorso e, infine, i nuovi reparti di degenza.

Dal punto di vista funzionale il progetto ha previsto, oltre alla creazione di nuovi reparti, la riorganizzazione di tutti i collegamenti, con lo scopo di ottimizzare i processi di gestione della nuova struttura sanitaria.


Riqualificazione della facciata

Oltre alla riorganizzazione funzionale degli ambienti interni ed esterni del complesso ospedaliero, l’intervento di rigenerazione è stato caratterizzato dalla scelta di riqualificare l’intera facciata dell’edificio che è stata sottoposta a ristrutturazione nel 2014 prevedendo l’installazione, rispetto al sistema di involucro esistente, di una nuova pelle traslucida a schermo avanzato, realizzata in pannelli orizzontali di altezze diverse. Lo stesso sistema di facciata è stato utilizzato per realizzare i nuovi volumi dell’edificio, dando unità formale a tutto il corpo di fabbrica.

Si tratta di un pacchetto di chiusura verticale, progettato appositamente per l’intervento di riqualificazione che raggiungere valori di trasmittanza termica pari a 0,10 W/mqK (prima dell’intervento: 0,713 W/mqK) a fronte di una massa superficiale di circa 190 kg/mq (prima dell’intervento: 116 kg/mq), contribuendo così alla drastica riduzione dei consumi energetici globali dell’edificio.


Il progetto di riqualificazione energetica profonda e ampliamento del Provincial Hospital dimostra come sia possibile intervenire su strutture ospedaliere esistenti nel rispetto delle normative europee inerenti l’obbligo di raggiungere il target nZEB anche per gli edifici esistenti, senza incidere negativamente sulle loro prestazioni funzionali, ma ove possibile migliorandole attraverso l’addizione di nuovi spazi e volumi.

Il ricorso a soluzioni tecnologiche di involucro assemblabili a secco ha consentito, inoltre, di ridurre tempi e costi di messa in opera e di intervenire con operazione non intrusive sugli edifici esistenti, senza interrompere le attività ospedaliere quotidiane.

Le ottime prestazioni energetiche raggiunte dai nuovi componenti opachi e trasparenti sviluppati per il progetto di riqualificazione dimostrano, infine, come sia possibile ridurre anche l’impronta ambientale degli edifici ospedalieri esistenti, che ad oggi risultano essere ancora tra quelli maggiormente impattanti a scala globale.


Idrogeno verde, una soluzione per l'energia del futuro. Ma oggi è ancora troppo caro

L'obiettivo crescita sostenibile è raggiungibile attraverso l'utilizzo dell'idrogeno verde. Ma al momento... Leggi


Bonus elettrodomestici green, spunta il nuovo contributo per rendere la casa più efficiente

Il governo ha allo studio l'introduzione di un nuovo bonus elettrodomestici, che... Leggi

Potrebbe interessarti


Iscriviti alla newsletter di Build News

Rimani aggiornato sulle ultime novità in campo di efficienza energetica e sostenibilità edile

Iscriviti

I più letti sull'argomento


Progetti copertina articolo
450.000 laterizi per il rivestimento de “Il fiore di Botta”

Per il nuovo campus biomedico di Padova, firmato dall'architetto Mario Botta, sono...

Dello stesso autore


Sponsorizzato
Sanità: un corso sull'ottimizzazione della governance dei devices

Il 6 maggio a Palazzo del Bo una conferenza dedicata che riconosce...