Attualità

Terre rare, in Norvegia scoperto il giacimento più grande d'Europa

Il più grande giacimento europeo di terre rare, in Norvegia, diventa essenziale per assicurare la transizione ecologica europea e proteggere le catene del valore industriale. E dimostra come sia valida la strategia di investire in progetti di estrazione e lavorazione di livello mondiale

lunedì 10 giugno 2024 - Franco Metta

shutterstock_2436962033 fonte Shutterstock

Dopo tre anni di esplorazione la società mineraria norvegese Rare Earths Norvegia ha reso nota la stima iniziale delle risorse minerarie contenute nel complesso carbonatico di Fen, a 150 km da Olso, pari ad almeno 8,8 milioni di tonnellate di ossidi di terre rare recuperabili.

Si stima inoltre che dal giacimento si possano ricavare almeno 1,5 milioni di tonnellate di materie prime per la produzione di veicoli elettrici e di turbine eoliche. La stima, eseguita dalla società di consulenza WPS (terza e indipendente), rende il complesso di Fen, il giacimento più grande d’Europa.

Un risultato importante per la società norvegese e che fa emergere al tempo stesso il ruolo della Norvegia come parte vitale della catena del valore delle terre rare e delle materie prime critiche presenti in Europa.

Benché la Norvegia non aderisca all’Unione europea, la società norvegese fa parte della rete di partner di ERMA, l’alleanza europea per le materie prime ed è supportata da EIT RawMaterials, il consorzio attivo nel settore delle materie prime e cofondato dall’Unione europea nel 2015 per promuovere la transizione dell’Europa verso un’economia sostenibile.

Sviluppo e sostenibilità del giacimento

La stima delle risorse minerarie è stata effettuata fino a una profondità di 468 metri sotto il livello del mare. La società però si aspetta un significativo potenziale di rialzo futuro per il progetto dal momento che precedenti perforazioni esplorative hanno indicato la possibilità di scendere fino a 1.000 metri sotto il livello del mare.

Inoltre si prevede che lo sviluppo di nuovi metodi di estrazione aumenterà la stima delle risorse. In particolare, Alf Reistad, Ceo di Rare Earths Norvegia, ha affermato che è in corso una collaborazione con la società austriaca Montanuniversität Leoben per sviluppare il giacimento con la tecnologia mineraria e di lavorazione dei minerali più sostenibile al mondo, riducendo al minimo l’impatto ambientale della miniera.

“Questo progetto, afferma Bernd Schäfer, Ceo di EIT Raw Materials, sottolinea il potenziale e l’opportunità per l’Europa di investire in progetti di estrazione e lavorazione di livello mondiale che contribuiranno a proteggere le nostre catene del valore industriale e a stabilire nuovi standard in termini di prestazioni ambientali e sociali attraverso la tecnologia, l’innovazione e la collaborazione”.

“Terre rare” presenti anche in Italia

Secondo l’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), in Italia si trovano almeno 15 delle 34 materie prime importanti per la transizione energetica situate in circa 3.000 siti.

È soprattutto l’arco alpino a offrire il maggior numero di elementi (barite, berillio, nichel, tungsteno): in Trentino sono stati individuate riserve di cobalto, manganese, magnesio, barite e rame, in Lombardia oltre a queste ultime due anche cobalto, berillio e zinco. In Piemonte, oltre al cobalto, si trovano grafite e manganese. In Liguria sono stati individuati giacimenti di rame, grafite, manganese e barite.

In Toscana ci sono antimonio e magnesio, nella parte settentrionale del Lazio giacimenti di cobalto, manganese e barite, quest’ultima presente anche in Sardegna, assieme a rame e antimonio.

La bauxite è presente sull’Appennino abruzzese e nella parte Nord della Campania e in alcune aree interne della Puglia. In Calabria sono state mappate aree con la presenza di manganese, barite e grafite, mentre in Sicilia ci sono antimonio e manganese.

Il nuovo codice dei contratti pubblici dal 1° luglio, cosa cambia?

Scatta dal 1° luglio l’efficacia del nuovo codice dei contratti pubblici, noto... Leggi


Riforma della giustizia pronta per l’esame in Parlamento

L’era post Berlusconi comincia con la presentazione del disegno di legge sulla... Leggi

Potrebbe interessarti

Progetti
“Urban Oasis”: un nuovo quartiere verde a Bratislava

Stefano Boeri Architetti vince il concorso internazionale per la realizzazione di un...


Iscriviti alla newsletter di Build News

Rimani aggiornato sulle ultime novità in campo di efficienza energetica e sostenibilità edile

Iscriviti

I più letti sull'argomento


Attualità copertina articolo
Condono edilizio, dalla politica spunta nuova sanatoria

Il ministro Matteo Salvini ha parlato recentemente della volontà di introdurre un...

Dello stesso autore


Attualità
Transizione 5.0, previsto entro l’anno l’avvio di circa 13 miliardi di crediti fiscali

A breve dovrebbe essere pubblicato il testo definitivo del decreto Transizione 5.0...

Attualità
Bonus mobili, l’agevolazione per chi ristruttura e arreda la casa

Nell’ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia iniziati nel 2023 si può portare...